Tu sei qui

2021 - Importi diritto annuale

Il termine per il pagamento del diritto è il 30 giugno 2021 con la possibilità di versare entro il 30 luglio 2021 con la maggiorazione dello 0,40%. La maggiorazione va sommata al diritto dovuto e versata con i decimali ed è dovuta anche nel caso di compensazione con altri crediti a saldo zero.

Il Decreto del Ministero dello Sviluppo Economico del 12/03/2020 ha autorizzato ai sensi dell’articolo 18 comma 10, della Legge 580/93 l’incremento delle misure del diritto annuale, così come adottato dall’Ente Camerale.
La Camera di Commercio di Lucca, per il triennio 2020/2022 applica la maggiorazione del 20% (Delibera del Consiglio n.16 del 07/11/2019).

L’impresa che ha trasferito la propria sede da una provincia ad un’altra deve pagare solo a favore della Camera di
Commercio dove era iscritta al 1° gennaio 2021.
Informiamo che, anche nel 2021, collegandosi al sito dirittoannuale.camcom.it si può procedere a calcolare agevolmente l’esatto importo da versare, con la disponibilità della soluzione di pagamento online offerta dalla piattaforma pagoPA, realizzata dall’Agenzia per l’Italia digitale.

**PROROGA**

Con il comunicato stampa del MEF datato 28 giugno 2021, è stato ufficializzato lo slittamento dal 30 giugno 2021 al 20 luglio 2021 (20 Agosto con maggiorazione del 0,40%,) del pagamento del saldo imposte 2020 e primo acconto 2021, pertanto anche il versamento del diritto annuale 2021 segue tale differimento.
La proroga riguarda:

  • i contribuenti interessati dall’applicazione degli Indici Sintetici di Affidabilità (ISA),
  • i soggetti aderenti al regime forfettario.

Devono, invece, ritenersi esclusi dalla proroga i contribuenti che svolgono solo attività agricole e che sono titolari di redditi agrari. Per questi ultimi resta invariato il termine ordinario di versamento del 30 giugno 2021 o del 30 luglio 2021 con la maggiorazione dell'interesse corrispettivo dello 0,40%. Si ricorda che, anche per gli altri contribuenti non soggetti agli Indici Sintetici di Affidabilità Fiscale (ISA), i termini del versamento diritto annuale rimangono quelli ordinari.

**ULTERIORE PROROGA SCADENZA DIRITTO ANNUALE 2021**

La proroga 2021 per i versamenti relativi alle dichiarazioni dei redditi, IRAP e IVA, definita dall'art 9 ter D.L.n. 73/2021 convertito con legge 106/2021 e pubblicata sulla GU Serie Generale n. 176 del 24/07/2021 - Suppl. Ordinario n. 25 è valida anche per il versamento del diritto annuale dovuto alla Camera di Commercio per l’anno 2021, pertanto la scadenza dei versamenti slitta dal 20 luglio al 15 settembre 2021.

La nuova scadenza di metà settembre riguarda le partite iva a cui si applicano gli Isa.

Beneficiano della proroga anche:

  • i soggetti che adottano il regime forfettario chi partecipa a società e imprese che attribuiscono ai soci il reddito imponibile, con le regole della cosiddetta trasparenza.

Non sarà invece possibile effettuare il versamento nei 30 giorni successivi la scadenza con maggiorazione dello 0,4%.

Sono esclusi dalla proroga i contribuenti che svolgono solo attività agricole e che sono titolari di redditi agrari.
Per questi ultimi resta invariato il termine ordinario di versamento del 30 giugno 2021 o del 30 luglio 2021 con la maggiorazione dell'interesse corrispettivo dello 0,40%.
Si ricorda inoltre che, anche per gli altri contribuenti non soggetti agli Indici Sintetici di Affidabilità Fiscale (ISA), i termini del versamento diritto annuale rimangono quelli ordinari.

Foglio di calcolo

 

Ti è stata utile questa pagina?